Egregio Commissario Europeo ai Trasporti,

 

con la presente le segnaliamo alcune semplici ed irrefutabili ragioni di fatto e di diritto per cui il devastante mega-aeroporto a Viterbo per voli low cost del turismo "mordi e fuggi" per Roma non si può e non si deve fare.

E non solo non si deve fare a Viterbo, ma neanche altrove.

Ed occorre piuttosto una immediata e drastica riduzione dei voli a Ciampino.

Così come occorre per l'Alto Lazio un immediato e consistente potenziamento delle ferrovie.

Così come occorre un piano europeo - oltre che nazionale - della mobilità che riduca drasticamente il trasporto aereo.

E valga il vero.

*

1. Il devastante mega-aeroporto a Viterbo per voli low cost del turismo "mordi e fuggi" per Roma non si può e non si deve fare perché devasterebbe irreversibilmente l'area termale del Bulicame: forse la più preziosa risorsa di Viterbo, bene naturalistico e storico-culturale, terapeutico e sociale, di immenso valore simbolico oltre che materiale, peculiare ed insostituibile.

*

2. Il devastante mega-aeroporto a Viterbo per voli low cost del turismo "mordi e fuggi" per Roma non si può e non si deve fare perché sarebbe di un'estrema nocività per la salute della popolazione. Collocato peraltro in prossimità della città l'inquinamento che esso produrrebbe sarebbe un danno enorme per la salute e la qualità della vita della popolazione.

*

3. Il devastante mega-aeroporto a Viterbo per voli low cost del turismo "mordi e fuggi" per Roma non si può e non si deve fare perché danneggerebbe irreversibilmente, oltre che l'area termale del Bulicame, anche altri rilevanti beni ambientali, culturali ed economici, provocando all'economia ed alla popolazione viterbese un forte danno e una gravosa servitù (al contrario di quanto sostiene la scandalosamente mistificante e menzognera propaganda di una irresponsabile ed interessata lobby politico-affaristica).

*

4. Il devastante mega-aeroporto a Viterbo per voli low cost del turismo "mordi e fuggi" per Roma non si può e non si deve fare perché palesemente contrasta con quanto previsto dalla vigente normativa italiana ed europea in materia di Valutazione d'impatto ambientale, Valutazione ambientale strategica e Valutazione d'impatto sulla salute così come in materia di protezione dei beni storico-culturali e dei diritti soggettivi e dei legittimi interessi della comunità locale.

*

5. Il devastante mega-aeroporto a Viterbo per voli low cost del turismo "mordi e fuggi" per Roma non si può e non si deve fare perché costituirebbe un enorme sperpero di soldi pubblici a danno dei cittadini.

*

6. Il devastante mega-aeroporto a Viterbo per voli low cost del turismo "mordi e fuggi" per Roma non si può e non si deve fare perché occorre non incrementare ma ridurre immediatamente e drasticamente il trasporto aereo per contrastare il surriscaldamento della biosfera e promuovere il rispetto dei diritti umani di tutti gli esseri umani.

*

Distintamente,

 

la portavoce del Comitato che si oppone all'aeroporto di Viterbo e s'impegna per la riduzione del trasporto aereo, Antonella Litta

 

il responsabile del Centro di ricerca per la pace di Viterbo, Peppe Sini

 

Viterbo, 12 luglio 2008

 

* * *

 

Mittenti:

 

- Comitato contro l'aeroporto di Viterbo e per la riduzione del trasporto aereo: e-mail: info@coipiediperterra.org , sito: coipiediperterra.org

Per contattare direttamente la portavoce del comitato, la dottoressa Antonella Litta: tel. 3383810091, e-mail: antonella.litta@libero.it

 

- Centro di ricerca per la pace di Viterbo: strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, e-mail: nbawac@tin.it, web: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

Per contattare direttamente il responsabile del Centro, Peppe Sini: tel. 0761353532, e-mail: nbawac@tin.it

 

* * *